Home Guerra
Verso la Guerra 1935-1939
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Nel 1935  il governo fascista,come rimedio alla depressione e alla stagnazione economica, fu indotto a ricercare nelle conquiste coloniali (quando le altre potenze europee si ponevano il problema della decolonizzazione) una risposta alle difficoltà contingenti, in linea con l’ideologia colonialista del fascismo. L’aggressione all’Etiopia (ottobre 1935), condotta anche con l’uso di gas asfissianti e bombardamenti di interi villaggi, si concluse  nel maggio del 1936. cavalleria.gifLa vittoria permise a Mussolini la proclamazione dell’Impero (9 maggio 1936). Nel  clima di militarizzazione della società civile, voluto dal governo, il 18 dicembre 1935 gli italiani furono chiamati a donare le fedi nuziali -ricevendo in cambio un anello di ferro- per dimostrare con questo gesto la “fede” riposta nel regime fascista. L’iniziativa fu presentata come atto patriottico per compensare i danni delle “inique sanzioni ” economiche decretate dalla Società delle Nazioni per la guerra  all’Etiopia.In realtà, la guerra era stata un’aggressione avvenuta in violazione del diritto internazionale.
La campagna si risolse in un grandioso momento di propaganda e di attivismo: un capitolo riuscito di quella spettacolarizzazione della politica tanto cara al fascismo.
La guerra contro l’Etiopia determinò nei confronti dell’Italia un mutamento in negativo dell’opinione pubblica dei paesi democratici  ed un  sostegno diplomatico da parte della Germania nazista. Tutto ciò costituì il presupposto per  una più stretta unità d’azione tra Italia e Germania che portò, il 28 ottobre ’36, alla nascita dell’Asse Roma-Berlino.
patto_acciaioLe prime conseguenza dell’accordo furono la partecipazione di Italia e Germania alla guerra civile spagnola, in appoggio alle forze franchiste, e l’adesione dell’Italia al Patto Anticomintern, stipulato nel novembre 1936 con Germania e Giappone,in contrapposizione all’Internazionale comunista.
La guerra civile spagnola rappresentò  il banco di prova politico e militare delle forze antidemocratiche europee. Scoppiata nel giugno del 1936, come rivolta dei militari guidati da Francisco Franco contro il governo del Fronte Popolare, democraticamente eletto nel 1934, precorse la seconda guerra mondiale. Per i suoi aspetti di guerra totale, e perché propose la  scelta tra democrazia e fascismo.
Combattuta sul suolo spagnolo, coinvolse però tutto il mondo, sollevando un’ondata di solidarietà internazionale verso il governo legittimo. Alla guerra parteciparono migliaia di volontari antifascisti (compresi non pochi italiani)inquadrati nelle Brigate internazionali. La Germania nazista e l’Italia fascista inviarono massicci aiuti ai rivoltosi.
La vittoria franchista (febbraio 1939) confermò, nel contesto internazionale, il forte impulso all’affermazione delle politiche di violenza seguite dai governi fascisti europei.
Lo scenario politico, nella seconda metà degli anni Trenta,si era infatti profondamente modificato con l’affermazione di regimi dittatoriali in gran parte dei paesi europei orientali: i paesi baltici,la Polonia,la Jugoslavia,la Grecia, la Romania, l’Ungheria.
Il 12 marzo 1938 la Germania nazista invadeva l’Austria, annettendola al III Reich. L’Anschluss era stato preparato da iniziative diplomatiche e militari e salutato entusiasticamente dalla popolazione austriaca. Questo fu il primo atto di conquista del cosiddetto “spazio vitale” della nazione tedesca  ritenuto indispensabile, secondo la dottrina definita dal nazismo,  per  giustificare l’espansionismo hitleriano. Nel settembre di quello stesso anno la Cecoslovacchia cedeva alla Germania i Sudeti, una regione confinante a forte presenza tedesca.Intanto l’alleanza tra l’Italia fascista e la Germania nazista si stava facendo sempre più stretta. Il  15 luglio 1938 veniva pubblicato sul “Giornale d’Italia” il Manifesto degli scienziati razzisti.Il 5 settembre il re Vittorio Emanuele III firmava il decreto sulla razza. Il 6 ottobre il Gran Consiglio del fascismo votava la "Dichiarazione sulla razza".Il 19 novembre nella “Gazzetta ufficiale” venivano promulgati i Provvedimenti per la difesa della razza italiana che allineavano il regime fascista alla politica razziale nazista.
ragazza.jpgNel marzo del 1939 la Germania occupava militarmente la Cecoslovacchia.Nello stesso mese l’Italia invadeva l’Albania. Nel maggio successivo l’Italia e  la Germania sottoscrivevano un’alleanza militare,il Patto d’acciaio, come lo definì Mussolini. Il 23 agosto  Germania e Unione Sovietica firmavano il patto di non aggressione, conosciuto come patto Molotov-Ribbentrop, con il quale i contraenti si impegnavano a non concludere alleanza o compiere azioni ostili l’uno verso l’altro.
 

Cane ANPI

foto_guerra.jpg

Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Contatti

ANPI SCANDICCI

Via De rossi, 26
50018 Scandicci (Firenze)

Tel: 055 254758
NUOVA Email: anpiscandicci@gmail.com